Descrizione immagine

AGOSTO - SETTEMBRE

Descrizione immagine

Luglio - Agosto 2016

Descrizione immagine

L'Assessorato alla Cultura del Comue di Curinga e la Pro Loco di Curinga vi aspettano MARTEDI 2 AGOSTO ALLE ORE 21,00 
Piazza S.Francesco CURINGA 

“La guerra di prima”
due attori-soldato al fronte della Grande Guerra

di e con Nino Racco e Vincenzo Mercurio

Produzione Teatro Proskenion/2015

Descrizione immagine

"IL SONNO DELLA RAGIONE" 
Coreografie del M° Giovanni Battista Gangemi Guerrera
Regia di Vincenzo Mercurio

 23 luglio alle ore 20.00 presso il Teatro Comunale di Filadelfia (VV) per lo Spettacolo di Teatrodanza

Giugno 2016

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

MAGGIO 2016

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

APRILE 2016

MARZO 2016

Descrizione immagine
Descrizione immagine

GENNAIO 2016

Descrizione immagine

                                         SETTEMBRE-DICEMBRE 2015

Descrizione immagine
Descrizione immagine

GIUGNO - LUGLIO 2015

Descrizione immagine
Descrizione immagine

20 giugno presso il Centro Sociale Angelina Cartella - "Oltre le Barriere culturali ed architettoniche" in collaborazione con l'Associazione Agiduemila Volontariato: rappresentazione teatrale "Mi girai e vidi la bellezza" e presentazione del video "Come è delizioso andar... sulla carrozzella"

Descrizione immagine

27 giugno presso parco "Presenza" Piani della corona a Barritteri di Seminara - "La vita in un sorriso" giornata di volontariato e teatro sociale in collaborazione con Nasi Rossi con il cuore di Rosarno e Clown One Italia Onlus

MAGGIO 2015

Descrizione immagine

SEMINARIO DI DANZE ETNICHE INTERNAZIONALI “Simboli in danza”- danzare la simbologia dei gesti e delle coreografie delle danze etniche internazionali.

La danza etnica esprime l’identità culturale di una collettività, le coreografie permettono la condivisione e trasmissione di valori e simboli. La danza etnica può essere definita un complesso sistema linguistico non verbale, un evento rituale che dà senso e protegge i momenti importanti di una collettività: le feste, il corteggiamento e il matrimonio, il lavoro (caccia, semina, raccolto…), la malattia, la morte, il sacro. 
La dimensione simbolica della danza etnica ha un importante valore formativo e trasformativo: la simbologia dei gesti e delle coreografie come portatrice di valori, atteggiamenti, modalità esistenziali diventa occasione per scoprire dentro di sé e attraverso sé.
Tematiche del seminario: la simbologia delle danze in cerchio e la simbologia della danza frontale a fila aperta o danza a file contrapposte.

Per info e prenotazioni scrivere a postmaster@proskenion.eu cell. 3462172302

Descrizione immagine

In occasione del 37.esimo anniversario dell'assassinio mafioso di Peppino Impastato. Il Teatro Proskenion, L'Osservatorio sula ndrangheta, Casa Memoria "Felicia e Peppino Impastato, Fondazione con il Sud presentano:
“Salsi colui. Storie sepolte”
con: Mariangela Berazzi, Fabio Butera , Nando Brusco, Fabio Macagnino, Giovanni Battista Gangemi, Piccola Orchestra Popolare “O. Panzillo” : Bruno Paura (chitarraclassica, Massimiliano D'Alessandro (mandolino) Giuseppe Di Iorio (contrabasso) ,Valeria Di Ielsi (violoncello)

Musiche e arrangiamenti: Bruno Paura, Fabio Macagnino, Nando Brusco 

Marionette di Fabio Butera 
Drammaturgia di Maria Ficara 
Tecnico audio/luci : Antonella Bellocchio
Regia di Vincenzo Mercurio
Per maggiori informazioni: http://www.casamemoria.it/7-notizie/193-programma-provvisorio-9-maggio-2015.html

La storia della Baronessa di Carini non è solo il racconto di un antico "femminicidio" ̶ per usare un termine attuale ̶ se non addirittura il primo componimento, sul tema, a sopravvivere per secoli in forma orale per poi approdare ai versi di una ballata dal gusto romantico che è arrivata fino a noi. A guardarlo bene, il racconto parla anche di una storia di sopruso del potere, che calpesta i deboli e sfugge alla punizione. Parla di tutti coloro che hanno perso la vita per mano di qualcuno che si è arrogato il diritto divino in nome di una qualsiasi “legge del più forte” .Il racconto del fatto non è solo il lacrimevole ritratto di una vittima che porta un monito contro la violenza sulle donne o su un altro essere vivente; esso si insinua anche tra il bianco e il nero della storia e della società, tra le leggi degli arroganti e coloro che soccombono per aver seguito un impulso di libertà. È memoria, contro l'oblio che vuole coprire tutto, lapide di marmo su una storia personale e collettiva. Il racconto è la forma più semplice di sopravvivenza della memoria, e anche un racconto di secoli fa finisce col parlarci, ancora oggi, di vicende più recenti, di territori diversi ma non lontani, di meccanismi differenti ma simili. L’ultimo “quadro” della rappresentazione si fa contemporaneo, e una voce parla con la voce di molte. Possono chiamarsi Lea, Giuseppina, Maria Concetta, ma anche Franca e Rita, o non avere nome perché si è perduto anche quello, ma soprattutto, l’intera riflessione vuole suscitare domande, affinché si esercitino dubbi e interroghino contraddizioni. E si dia uno sguardo a chi si oppone alle regole degli arroganti non come a vittime isolate del destino che loro toccava, ma come a ombre familiari, nei cui tratti c’è anche qualcosa di noi. Della loro fine, della fine di molte vite, qualcuno sa. Da qui il titolo scelto, due semplici parole, ma eloquenti, tratte da una famosa risposta di un’ombra al poeta che la interroga.

Descrizione immagine
Descrizione immagine

APRILE 2015

Descrizione immagine

FEBBRAIO 2015


 Domenica 15 :

Spettacolo "il circo della vita" a S.Alessio d'Aspromonte.

Incontro tra l'Associazione A.G.I. 2000 e i Clown, per i festeggiamenti del Carnevale.
Ogni lunedi 8,00 - 20,00 incontro di formazione per i Clown Proskenion. 


GENNAIO 2015

EVENTI

Descrizione immagine