Consulta il Calendario per restare sempre informato sulle nostre attività

Descrizione immagine

La festa dell’oblìo

 

Memoria e ipocrisia sull’unità d’Italia

 

Con 

Ivan Falvo D’Urso

Vincenzo Mercurio

Nino Racco

 

Drammaturgia 

Maria Ficara

 

Regia 

Claudio La Camera


 

 

 “La commemorazione è l’opposto della memoria”

 Jean Baudrillard

 

Lo spettacolo alterna due vicende storiche precise: da un lato l’eccidio di Bronte e le vicende connesse allo sbarco dei Mille nell'entroterra siciliano dove  si erano accese molte speranze di riscatto sociale da parte soprattutto della media borghesia e delle classi meno abbienti.  La storia si focalizza sulla forte contrapposizione  fra la nobiltà latifondista rappresentata dalla britannica  Ducea di Nelson, dalla proprietà terriera, dal clero locale e dalla società civile che sfociò in una vera rivolta. Per riportare l'ordine giunse un battaglione di garibaldini agli ordini di Nino Bixio. Secondo Gigi Di Fiore (Controstoria dell'unità d'Italia) e altri studiosi, gli intenti di Garibaldi probabilmente non erano solo volti al mantenimento dell'ordine pubblico, ma anche a proteggere gli interessi dell'Inghilterra (Bronte apparteneva agli eredi di Nelson), e soprattutto a calmarne l'opinione pubblica. Quando Bixio iniziò la propria inchiesta sui fatti accaduti larga parte dei responsabili era fuggita altrove, mentre alcuni ufficiali colsero l'occasione per accusare gli avversari politici. Il tribunale misto di guerra in un processo durato meno di quattro ore giudicò ben 150 persone e condannò alla pena capitale l'avvocato Nicolò Lombardo (che era stato acclamato sindaco dopo l'eccidio), insieme ad altre quattro persone: Nunzio Ciraldo Fraiunco, Nunzio Longi Longhitano, Nunzio Nunno Spitaleri, Nunzio Samperi. La sentenza venne eseguita mediante fucilazione il 10 agosto, all'alba. I personaggi dello spettacolo sono allo stesso tempo i tre personaggi centrali dell’eccidio e rappresentano le vittime innocenti  della repressione, il simbolo delle contraddizioni dell’Unità d’Italia.

L’altra storia ritrae un gruppo di politici che parlano alla gente dell’importanza dell’Unità d’Italia per il sud e riportando molti stereotipi e pregiudizi che popolano le convinzioni di alcuni partiti politici e rischiano di minare l’unità culturale e umana del nostro paese.

 

Scheda tecnica: 

 

 

RICHIESTE A CARICO DELL’ENTE OSPITANTE

da considerarsi parte integrante del contratto di rappresentazione. 

Ad esclusivo carico dell'Organizzatore.

In Teatro: Esigenze di palcoscenico

 

spazio scenico:minimo 6 x 4 (lo spazio deve essere disponibile almeno 4 ore prima dello spettacolo)

quintatura nera:fondale e quinte a taglio

presa elettrica:

- 16 o 32 o 63 Amper – 380+neutro per strumentazione illuminotecnica (si  richiede disponibilità impianto illuminotecnica)

- Una presa 220 per la fonica.

Carico elettrico:13 KW.

Impianto d’illuminotecnica e fonica:

10 o 12 fari da 1.000 W a seconda dell’ampiezza dei teatri, 

3 gelatine ghiaccio, 2 gelatine ambra, 2 gelatine blu

2 casse acustiche di potenza adeguata, 

n. 2 monitor sul palco, 

impianto fonico compreso di n. 3 microfoni a capsula.

n.1 radiomicro per chitarra

 

Si richiedono le seguenti disponibilità:

n. 3 camerini puliti per gli attori possibilmente adiacenti al palcoscenico e attrezzati con specchi, tavoli, sedie, servizi igienici e asciugamani. Acqua corrente. 

SEDIE PUBBLICO: IMPORTANTE 

In caso di spettacoli in sale l’Organizzatore si impegna a fornire sedie per il pubblico che andranno imprescindibilmente posizionate di fronte al palcoscenico (max 300). 

 

Dovranno essere disponibili sul palco prima dell’inizio dello spettacolo: 2 bottigliette d’acqua da ½ litro. 

 

PUBBLICITA’ 

Interviste e riprese vanno preventivamente concordate con la Produzione 

E’ necessaria la richiesta di autorizzazione per foto durante la performance 

 

In luoghi non teatrali

 

Lo spettacolo è rappresentabile anche in luoghi non teatrali alle seguenti condizioni:

 

spazio scenico:minimo 6x4

presa elettrica:è sufficiente una presa 220 W  in prossimità dello spazio scenico.

Carico elettrico: è sufficiente un carico di 3 KW. La compagnia utilizzerà fari da 500 per non superare il carico luci.

Oscurabilità: necessaria

 

21 ott soveria mannelli

11-18-novembre

26-novembre gerace

4 dicembre santo stefano d'aspromonte.